Ottieni il tuo Coach

Limitazioni: quando e perché sceglierle

LegStretch

Ultimamente hai sforzato troppo i polpacci? Ti senti davvero indolenzito e vorresti far fare una pausa a certi gruppi muscolari durante la tua prossima settimana del Coach? Allora la funzione “Limitazioni”  ti tornerà sicuramente utile.

Prima di impostare delle limitazioni, accertati di interpretare in modo corretto i segnali del tuo corpo. Leggi bene questo articolo perché ti aiuterà a capire che cosa ti sta comunicando il tuo corpo e come usare la funzione “Limitazioni”.

L’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata e la funzione "Limitazioni"

Molti Atleti Liberi non sanno bene quando è il caso di impostare delle limitazioni per la loro prossima settimana del Coach. La funzione “Limitazioni” dovrebbe essere utilizzata solo nel caso di indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata (DOMS), e mai quando potrebbe essersi verificato uno strappo muscolare, si hanno dolori alle articolazioni o si è in presenza di altri tipi di infortunio.

L’indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata non provoca dolore, bensì comporta indolenzimento e rigidità a livello muscolare dopo una sessione particolarmente intensa. Generalmente questi sintomi durano solo 24-48 ore, ma in qualche caso anche di più. Se senti che alcuni gruppi muscolari hanno davvero bisogno di una pausa, imposta delle limitazioni in base alle tue necessità. Tieni presente che ogni volta che scegli una o più limitazioni, il Coach crea un programma di allenamento mirato a sollecitare meno del solito il gruppo o i gruppi muscolari selezionati. Questo non significa però che i muscoli in questione non lavoreranno affatto. Il Coach potrebbe semplicemente alleggerire il carico, senza però escluderli dall’allenamento.

Quando è meglio non usare la funzione “Limitazioni”

Se pensi di esserti infortunato o di avere uno strappo e quindi di non essere in presenza di un indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata, non impostare alcuna limitazione. Meglio prendersi una pausa dall’allenamento e farsi visitare da un medico. La funzione “Limitazioni” non ha lo scopo di aiutare gli atleti infortunati a continuare ad allenarsi. Questo tipo di approccio sarebbe pericoloso e anche irresponsabile. Salute e sicurezza dovrebbero sempre essere al primo posto nella lista delle tue priorità, quindi se hai il sospetto di non avere un semplice indolenzimento, prenditi una pausa dagli allenamenti finché (in accordo con il tuo medico) non sei sicuro di aver recuperato in maniera ottimale.

Come scegliere le limitazioni quando ne hai bisogno

Se hai la necessità di impostare delle limitazioni, è sufficiente cliccare su “Termina la settimana” nella sezione dedicata al tuo Coach e scegliere tra le seguenti opzioni: bicipiti, schiena, tricipiti, busto, addome, cosce o polpacci. Puoi scegliere fino a due limitazioni. Se ne selezioni più di due, il Coach non sarà in grado di creare una nuova settimana di allenamento, quindi in questi casi meglio riposarsi un giorno o due e tornare ad allenarsi quando ci si è rimessi completamente in forma. E tieni anche presente un’ultima cosa: più limitazioni scegli, meno il tuo programma di allenamento sarà vario.

Ricapitoliamo! Ecco 3 cose fondamentali da ricordare:

  1. La funzione “Limitazioni” ha esclusivamente l’obiettivo di ridurre lo stress su quei gruppi muscolari che soffrono di indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata (DOMS).
  2. In presenza di strappi, dolori articolari o infortuni è importante non usare la funzione “Limitazioni”, ma consultare un medico e prendersi una pausa dall’allenamento.
  3. Ogni volta che imposti delle limitazioni, tieni presente che questo fattore può influenzare la varietà degli esercizi che ti verranno assegnati nella settimana successiva del Coach.