Qual è lo scopo del feedback richiesto alla fine di ogni workout?

header intensity feedback 1024x576

Il Feedback di Intensità è una scala continua, che viene usata per la valutazione del livello di stress di ogni sessione di allenamento. Insieme alle informazioni e ai risultati della Valutazione Atletica iniziale, oltre che alle prestazioni e all’aumento di queste lungo il percorso del Coach, il Feedback di Intensità è uno dei parametri più importanti per generare sessioni di allenamento individuali. Il Feedback di Intensità cattura la percezione individuale dello stress e il livello di intensità cui aspira l’atleta, in modo da permettere al Coach di adattarsi meglio alle esigenze di ogni atleta.

Il Feedback di Intensità è una funzionalità esclusiva del Coach che compare solo dopo l’assegnazione di workout da parte del tuo Coach. Gli allenamenti completati che non ti sono stati assegnati dal Coach non rientrano nella personalizzazione dell’algoritmo del Coach e dunque non lo includono.

Qual è l'idea dietro al Feedback di Intensità?

Lo sviluppo del Feedback di Intensità segue l’idea delle cosiddette Scale RPE (Scale di percezione dello sforzo), che sono una parte integrante della diagnosi delle prestazioni nello sport agonistico, ma vengono anche usate per scopi clinici. L’obiettivo di queste scale è di includere – oltre a fattori chiaramente misurabili – un elemento spesso trascurato: l’atleta e la sua percezione.

Cosa ha a che fare questo con Freeletics e il mio allenamento?

Con il Feedback di Intensità la percezione dell’atleta confluisce direttamente nella generazione delle sessioni di allenamento da parte del Coach. Le informazioni vengono raccolte durante tutta le settimana di allenamento, valutate e prese in considerazione per la pianificazione della settimana del Coach successiva. La scala include 5 aree di allenamento principali tra cui l’atleta può scegliere, riconoscibili nella gradazione dal verde all’arancione e nelle estremità “Facile” (nessuno sforzo) e “Massimo” (sforzo estremo).

Il Feedback di Intensità, tuttavia, presenta solo una somiglianza superficiale con la Scala RPE, essendo un sistema di feedback adattato al metodo di allenamento Freeletics. Esso è applicabile dal punto di vista pratico e, allo stesso tempo, sufficientemente accurato per tenere in considerazione il sistema sensoriale umano.

Come funziona il Feedback di Intensità?

Il Feedback di Intensità include due parti: nella prima parte, viene chiesto all’atleta di esprimere la sua percezione soggettiva del livello di stress. In quale area di intensità si è allenato? Ha dato il massimo di sé? L’intensità della sessione di allenamento è stata adeguata al suo livello di rendimento? O è possibile che tale sessione sia stata fin troppo facile? Senza farsi condizionare dalle emozioni, un atleta dovrebbe esprimere una valutazione basata sulla propria percezione del livello di difficoltà della sessione di allenamento completata.

La seconda parte è legata alla valutazione di come singoli atleti percepiscano e interpretino livelli di stress simili in modo differente. Mentre alcuni di essi si sforzano per andare oltre i limiti, altri (soprattutto all’inizio) non lo fanno e ciò può avere un effetto scoraggiante.

Cos'altro dovrei sapere sul Feedback di Intensità?

Le due parti non sono legate a singoli tipi di esercizi, ma solo al livello di stress. Ragion per cui non è possibile escludere determinati esercizi o workout semplicemente specificando che la sessione di allenamento completata è stata percepita come sgradevole. Inoltre, l’allenamento Freeletics non diventerà necessariamente più “leggero”. Lo scopo di Freeletics è, infatti, quello di far allenare gli atleti nell’area di intensità più alta e, attraverso ogni workout, sfidare ognuno di essi sia fisicamente che mentalmente – nei limiti di ciò che è possibile e appropriato nell’ambito della loro esperienza individuale.