Limitazioni: Quando e perché sceglierle?

HEADER 1500x342

Hai lavorato troppo sui polpacci negli ultimi giorni? Soffri del cosiddetto “indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata” (DOMS) e preferisci evitare di sollecitare certi gruppi muscolari prima della prossima settimana di allenamento con il Coach? Allora la funzionalità “Limitazioni” nella sezione “Tu” del Coach, fa decisamente al caso tuo. Ma prima di utilizzarla, assicurati di 1) interpretare correttamente i segnali del tuo corpo e 2) leggere questo articolo dall’inizio alla fine. Qui trovi tutto ciò che ti serve sapere sulla funzionalità “Limitazioni”.

“Indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata” e funzionalità "Limitazioni"

Molti Atleti Liberi ci contattano perché non sanno bene quando è meglio inserire delle limitazioni per la settimana di allenamento successiva con il Coach. Chiariamo fin da subito una cosa: la funzionalità “Limitazioni” ha un unico scopo: dare sollievo ai gruppi muscolari troppo affaticati durante le sessioni di allenamento. Se senti che alcuni muscoli hanno davvero bisogno di una pausa, puoi indicare le limitazioni che ritieni più opportune. Ogni volta che scegli una o più limitazioni, il Coach crea un programma di allenamento che cerca di sollecitare meno del solito il o i gruppi muscolari che hai indicato. Ad ogni modo, non significa che questi muscoli non saranno coinvolti durante l’allenamento, ma solo che saranno sollecitati di meno. La cosa fondamentale da sapere è che la funzionalità “Limitazioni” deve essere utilizzata solo in caso di “indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata”, e mai quando si ha uno strappo, dolori alle articolazioni o si è infortunati.

I casi in cui non si dovrebbe usare la funzionalità "Limitazioni"

Se senti dei dolori e pensi che non siano semplicemente dovuti ad un indolenzimento muscolare (DOMS), ma a qualcosa di più serio come un infortunio o uno strappo, la funzionalità “Limitazioni” non è assolutamente da prendere in considerazione. Meglio non allenarsi e andare da un medico. Infatti, tale funzionalità, non è stata creata per aiutare gli atleti infortunati, ecco perché continuare ad allenarsi quando si sa di avere un problema serio è un atteggiamento pericoloso e irresponsabile. Salute e sicurezza devono sempre essere la priorità numero uno, quindi se hai il sospetto che il dolore che senti sia qualcosa di più che un semplice indolenzimento, prenditi una pausa dall’allenamento finché tu (o il tuo medico) non sei davvero sicuro che il tuo corpo si sia rimesso del tutto.

Come scegliere correttamente le limitazioni, se necessario

Se vuoi inserire delle limitazioni, ti basta cliccare su “Termina la settimana” nella sezione del Coach dedicata al tuo piano di allenamento e scegliere tra le seguenti limitazioni: bicipiti, schiena, tricipiti, petto, addome, parte bassa o parte alta delle gambe. Puoi scegliere una o più limitazioni. Tieni presente che più limitazioni inserisci, meno sarà diversificato il tuo programma di allenamento.

Ricapitoliamo: 3 cose da ricordarsi

  1. La funzione “Limitazioni” è stata pensata esclusivamente per sollecitare meno quei gruppi muscolari che risentono del cosiddetto “indolenzimento muscolare a insorgenza ritardata” (DOMS).
  2. In caso di strappi muscolari, dolore alle articolazioni o infortunio, non utilizzare la funzionalità “Limitazioni” ma consulta un medico e prenditi una pausa dagli allenamenti.
  3. Quando scegli di inserire una o più limitazioni, tieni presente che questo può influire sulla varietà degli esercizi che vengono assegnati dal Coach.