Fisico scolpito o fisico atletico?

ASHLEY Header 1

Pettorali e tricipiti, schiena e bicipiti, addominali, addominali, ancora addominali, 5 minuti di gambe (solo se i bicipiti sono troppo indolenziti) e magari un po’ di cardio o allenamento HIT: ecco il tipico programma di allenamento di un super muscoloso. Solitamente alla base dei loro obiettivi, dei piani di allenamento, delle strategie, delle motivazioni che li spingono a fare attività fisica non c’è il miglioramento delle prestazioni. Ma l’allenamento può davvero ridursi solo a questo? Davvero l’aspetto fisico è più importante di come ci si sente, della qualità delle prestazioni e della tecnica di esecuzione? Noi siamo fermamente convinti di no. Se da un lato non c’è dubbio che il desiderio di migliorare il proprio aspetto abbia un impatto consistente e costituisca un’ottima ragione per mettersi in forma, dall’altro dovrebbe essere solo parte dell’obiettivo finale. C’è un traguardo molto più importante da raggiungere: diventare un vero atleta. Ecco perché questo è il risultato a cui dovresti davvero puntare.

Guarda le cose da un altro punto di vista

E se ti dicessimo che i veri atleti, quelli che hanno il corpo dei tuoi sogni #BODYGOALS, non sono minimamente interessati a diventare super muscolosi? E’ proprio così. Questo significa che quando si lavora per ottenere un obiettivo basato sulle prestazioni, come correre 10 km in meno di un’ora, completare una maratona, eseguire 10 Pullups senza fermarsi o raggiungere un nuovo PB con stella con Aphrodite, i cambiamenti fisici sono inevitabili. Ma attenzione, non sempre funziona anche il contrario. In poche parole, se si fanno esclusivamente esercizi per ottenere addominali scolpiti o bicipiti più grandi, probabilmente dopo un po’ di tempo si noteranno delle differenze nell’aspetto fisico ma da un punto di vista funzionale quei centimetri in più sulle braccia o in meno sulla pancia non saranno necessariamente utili al corpo.

Restando in tema di allenamento funzionale: eseguire esercizi con movimenti funzionali ha un impatto davvero positivo sulle prestazioni specifiche richieste in ciascuno sport perché sono in grado di riprodurre le stesse sequenze di movimento. Quindi come siamo soliti ripetere: se fai sempre i soliti esercizi senza seguire un programma specifico è arrivato il momento di ripensare il tuo allenamento e renderlo davvero efficace.

Atleta, segui un approccio olistico all’allenamento

Indipendentemente dallo sport che si pratica, tutti gli atleti hanno una cosa che li accomuna: un approccio olistico all’allenamento per ottenere il massimo dalle proprie prestazioni. Che cosa significa esattamente? Non fissarti su una sola cosa. Il tuo programma deve essere vario e comprendere tutta una serie di movimenti che consentano di migliorare la mobilità e la flessibilità, la forza e la resistenza ma anche i tempi di reazione, l’equilibrio, l’adattabilità e la cinestesia. Questi sono tutti gli elementi di cui ha bisogno il corpo per diventare un concentrato davvero efficiente di energia e trasformarti in un atleta a tutti gli effetti. L’aspetto più interessante è che allenarsi in questo modo con regolarità consente anche di tonificare il corpo e garantirti quei cambiamenti a livello fisico che alcuni pensano erroneamente siano raggiungibili solo con esercizi per bicipiti e addominali. Ciò che conta di più è senza dubbio avere costanza nel tempo e perseverare. Qualunque sia il tuo obiettivo, estetico o puramente incentrato sulle prestazioni, non è raggiungibile senza costanza.

Ti presentiamo Ashley, di professione lottatore

Ashley, professionista sudafricano nella disciplina delle Arti Marziali Miste e Atleta Libero è passato dall’essere gracile, magro ed esile ad essere un Atleta a tutto tondo e campione sul ring. Scopri in che modo abbina diversi tipi di allenamento per ottenere prestazioni eccellenti degne del suo livello. Leggi la sua storia, guarda il suo video e renditi conto di persona di quanti traguardi è riuscito a raggiungere ponendosi obiettivi molto più concreti che diventare semplicemente “super muscoloso”.