Velocità contro distanza: I vantaggi della corsa a intervalli

Article Header

Correre non vuol dire registrare il maggior numero di chilometri possibili. Sempre più persone stanno scoprendo i veri vantaggi dell’allenamento a intervalli e stanno cambiando obiettivo: non più raggiungere lunghe distanze, ma diventare veloci. La buona notizia è che l’allenamento a intervalli è molto più efficace sotto tanti punti di vista delle semplici corse di distanza. Ecco perché Freeletics Running si basa proprio su questo tipo di workout, permettendoti di allenarti in modo più efficace e motivante e di ottenere risultati maggiori. Ma qual è la scienza alla base dell’allenamento a intervalli? Perché è più efficace delle corse di lunga distanza? E chi può seguirlo?

Cosa vuol dire allenamento a intervalli?

L’allenamento a intervalli non è necessariamente sinonimo di corse ad alta intensità. Si tratta semplicemente di una sequenza di distanze o di periodi di tempo predefiniti con delle pause nel mezzo. In base all’obiettivo e alla velocità dei vari intervalli, le pause possono essere usate per recuperare o per continuare a correre a ritmo moderato.

I corridori professionisti seguono già da molto tempo l’allenamento a intervalli per migliorare le loro prestazioni. Gli atleti che vogliono aumentare la loro velocità devono iniziare a farlo durante i workout e a lungo andare, l’allenamento a intervalli è più efficace delle classiche corse di distanza. I corridori che si stanno preparando per una gara o un evento possono correre durante gli intervalli alla stessa velocità alla quale desiderano correre quel giorno.

Perché l'allenamento a intervalli è così efficace?

Perdita di peso più rapida

Questo tipo di corsa non solo ti permette di migliorare le tue prestazioni e la tua velocità ed è adatto sia ai principianti che agli atleti professionisti, ma ti aiuta anche a dimagrire più rapidamente. Se completati nel modo giusto, gli intervalli di corsa ti permettono di bruciare anche il triplo delle calorie rispetto alle classiche corse di distanza, nonostante la durata dell’allenamento sia la stessa. Grazie ai vari intervalli veloci, il corpo riesce a consumare più energia perché nonostante debba spostare la stessa massa, la velocità è superiore. In più, durante gli sprint brevi e veloci entrano in gioco le fibre a contrazione rapida, che ti consentono di bruciare molte più calorie generando movimenti esplosivi e consumando una grande quantità di energia. Queste fibre però non possono lavorare a lungo e hanno spesso bisogno di recuperare per ottenere l’energia necessaria per il round successivo. È proprio per questo che le pause sono così importanti.

Effetto afterburn

Un altro vantaggio dell’allenamento a intervalli è il famoso effetto afterburn, decisamente maggiore dopo questo tipo di corse rispetto alle classiche corse di distanza. Di solito, dopo una corsa di distanza a velocità moderata l’effetto afterburn è praticamente inesistente, mentre dopo un intenso workout a intervalli come quelli di Freeletics Running può durare fino a 48 ore. In altre parole, il tuo corpo continuerà a lavorare e a ottenere i vantaggi dell’allenamento anche fino a due giorni dopo averlo completato.

Prestazioni migliori

Il corpo si adatta velocemente e si abitua a un tipo di stress continuo come quello dell’allenamento basato sulle corse di distanza. Di conseguenza, gli effetti diminuiscono con il tempo. Senza cambiamenti e senza nuove sfide il corpo non riesce a fare progressi e a raggiungere prestazioni migliori. Per dare una spinta al sistema cardiovascolare e al metabolismo, l’allenamento deve essere vario e intenso: gli intervalli di corsa sono l’esempio perfetto. Questo tipo di workout aumenta il massimo consumo di ossigeno e ne migliora il trasporto (cuore), l’accumulo (polmoni) e l’utilizzo (cellule). In più, ottimizza il metabolismo e permette al corpo di usare l’energia in modo più efficace. Il risultato è un aumento decisivo delle prestazioni e della capacità di correre più velocemente e più a lungo.

Chi può seguire un allenamento a intervalli?

Chiunque può seguire un allenamento a intervalli perché è il metodo ideale per iniziare a correre. Tutto però dipende dall’intensità. I principianti e gli atleti in sovrappeso devono abituarsi alla corsa e raggiungere un livello minimo di resistenza prima di passare agli intervalli veloci. Alcune persone smettono di correre poco dopo aver iniziato perché subiscono infortuni comuni dovuti a un allenamento eccessivo in troppo poco tempo, o perché trovano le corse di distanza noiose. Per risolvere questi problemi, l’ideale è combinare intervalli di corsa e camminate durante le pause. Anche se correre per 3 km di fila è troppo per un principiante, alternare corse e camminate per 6 km di solito è fattibile.

Scegliendo l’intensità giusta, l’allenamento a intervalli è ideale per qualsiasi atleta, principianti compresi, e può essere adattato a qualsiasi individuo, ai suoi obiettivi e alle sue esigenze. Il Running Coach si occupa proprio di questo. Freeletics Running è il sistema di corsa più efficace che ci sia e ti permette di raggiungere i tuoi risultati velocemente e di apprezzare di più l’allenamento nel corso del tempo.