Ottieni il tuo Coach

Ti fa bene mangiare un pasto caldo al giorno?

Hot meal header copy

Sappiamo bene cosa vuol dire essere sempre di fretta: mangiare uno snack al volo a colazione, un’insalata a pranzo e gli avanzi per cena. Le nostre giornate sono così piene di impegni, tra lavoro, studio, commissioni e partite di calcio, che a volte passano settimane senza che riusciamo a sederci per mangiare un pasto caldo. Succede anche a te, vero? Certo, i piatti freddi ci fanno risparmiare tempo, ma i pasti caldi hanno i loro vantaggi. Il nostro esperto di alimentazione, David Wiener, ci spiega quali sono i motivi per cui il nostro corpo ama il cibo caldo:

1. È più facile da digerire

Il nostro apparato digerente è estremamente sensibile a cibi e bevande, ma soprattutto alla temperatura dei cibi che consumiamo. I cibi freddi, in particolare quelli liquidi, possono inviare una scossa a tutto il corpo, costringendo l’apparato digerente a lavorare di più per scomporre gli alimenti e assimilarne i nutrienti. Dal momento che il cibo freddo è più difficile da digerire, avrai più probabilità di avere aria nella pancia e una sensazione di gonfiore dopo aver consumato un pasto freddo, oppure problemi di digestione durante il resto della giornata.

Di solito impieghi più tempo a consumare un pasto caldo e questo facilita la tua digestione perché rallenta la velocità con cui mangi, dando al tuo corpo più tempo e meno lavoro da fare per scomporre il cibo e assorbirne i nutrienti.

Per finire, il processo di cottura (alla griglia, al vapore, etc.) favorisce la scomposizione dei nutrienti e aiuta il corpo ad assorbire la “parte buona” di ciò che mangi, aumentandone i valori nutrizionali.

2. È più buono

Alcuni studi dimostrano che la percezione del sapore migliora quando la temperatura di un cibo o una bevanda aumenta. Il motivo va ricercato nel recettore del gusto TRPM5, che rileva i sapori dolci e amari, e invia un segnale più forte al cervello quando il cibo è più caldo. Non è comunque una regola ferrea, perché non tutti i cibi sono più buoni se caldi, ma anche perché sono necessarie ulteriori ricerche in questo ambito.

Hot meal 1jpg copy

3. Può prevenire le allergie

Le allergie alimentari sono sempre più diffuse nel mondo e tra le più comuni troviamo quella al latte e alle uova. Stranamente, la maggior parte (oltre il 70%) delle persone allergiche al latte e alle uova possono tollerare questi alimenti quando sono cotti, perché il processo di cottura cambia la struttura delle proteine che causano reazioni allergiche. Anche in questo caso, occorrono ricerche più approfondite: se sei allergico a questi alimenti, ti consigliamo perciò di consultare il tuo medico prima di introdurre latticini o uova nella tua dieta.

EPPURE...

Nonostante i risultati convincenti sui benefici di un pasto caldo, i vantaggi di mangiare frutta e verdura non cotta sono altrettanto significativi. A volte, il processo di cottura può distruggere il contenuto nutrizionale di frutta e verdura, quindi sarebbe meglio consumarle “fredde”. Ad esempio, mangiare broccoli crudi ti permette di assumere livelli più alti di mirosinasi, un enzima che può arrestare la crescita delle cellule tumorali e la diffusione dell’Helicobacter pylori, il batterio responsabile dell’ulcera allo stomaco. Altre verdure che dovremmo mangiare crude sono il cavolfiore, i cavoletti di Bruxelles, il cavolo nero, i peperoni rossi, l’aglio e la cipolla.

In sostanza, questo consiglio va preso con le pinze: il piano alimentare ideale deve sicuramente comprendere un mix di pasti caldi e freddi. La quantità di pasti caldi consumati può dipendere anche dal periodo dell’anno, infatti a nessuno piace mangiare cibi molto caldi d’estate, mentre una zuppa è l’ideale per scaldarsi d’inverno. Per scoprire nuove ricette sia calde che fredde, scarica l’app di Freeletics Nutrition.